» Grippaggio

Grippaggio

Il giorno di domani
sarà tutto per te
Un goccio di caffè
una zaffata di vento
Prima di voltare la testa
conterò fino a cento
Ma oggi, oggi non è un giorno di festa
Domani, domani, domani

Già oggi è domani
Sabbia sole, per te
acqua verde, per me
miele su antichi dolori

Dentro l’abbaiare dei cani
con violenti colori
scoppiano cieli e lampi lontani
Caldo da terra bruciata

La macchina è ingrippata
Io e te camminiamo
tenendoci per mano
a cercare un meccanico
là verso il paese nascosto
da un grande verde di bosco
Sciabola fitta l’aria d’agosto
su questa strada abbandonata

Ma non è abbandonata
Sull’argine in fila
diecimila baracche
e caverne di fuggitivi
Occhi di ragazze e mani
di uomini vivi
escono dalla terra, con crani,
fucili. Una dura giornata

Qua fa notte presto
Giovani orsi annusano
i tubi di petrolio
scuotono un ramo di pesco
secco. Nel cielo buchi neri
riempiti da niente
o dal fuoco di questi pensieri
nell’improvvisa aria di guerra

Copyright Pressing Line srl © 2013 Su